CARAIBI

BAHAMAS
storia
itinerari
cultura
ambiente
attivit
informazioni


Privacy Policy

Bahamas, la Storia


I primi abitanti delle Bahamas furono i lucaiani, una trib appartenente al gruppo indiano degli arawak, che giunsero sulle isole verso la fine del IX secolo.
Questa trib era essenzialmente un popolo di pescatori e ci che rimane della loro cultura si limita a frammenti di ceramica, petroglifi e parole come canoa, cannibale, amaca, uragano e tabacco.

Cristoforo Colombo sbarc a San Salvador nel 1492. Tre anni pi tardi, i colonizzatori spagnoli fondarono il primo insediamento dell'arcipelago, adoperandolo come stazione, per l'imbarco dei lucaiani schiavizzati, verso Hispaniola.
Nel giro di venticinque anni l'intera popolazione lucaiana venne deportata e l'insediamento venne abbandonato.

Nel 1659 giunse sull'isola un gruppo composto da puritani, neri e schiavi affrancati che erano stati allontanati dalle Bermuda e dal Nord America; qui essi fondarono Charles Town (la futura Nassau) a New Providence. La citt attir un insieme eterogeneo di personaggi equivoci che si guadagnavano da vivere soprattutto con il saccheggio dei relitti; a questo si aggiunse anche l'attivit dei corsari che depredavano tutto ci che incontravano lungo il loro cammino. Questo fenomeno, durante il XVII secolo, si diffuse maggiormente grazie anche ai finanziamenti da parte della Corona Britannica finalizzati ad un maggior controllo delle acque intorno alle Bahamas.
Dopo la distruzione della citt di Charles Town da parte di una flotta alleata di francesi e spagnoli, nel 1703, i pirati proclamarono una 'Repubblica Pirata' priva di leggi ed elessero Edward Teach, noto come Barbanera, loro giudice. Questa condizione prosegu fino al 1714, quando la Gran Bretagna firm il trattato di Utrecht, che annull la protezione reale e dichiar fuorilegge i pirati. Il governatore scelto dalla corona alla fine ebbe la meglio sui pirati che furono costretto ad abbandonare l'isola. Coloro che rimasero sull'isola cominciarono a sopravvivere dedicandosi alla caccia alle tartarughe, la raccolta del sale e il saccheggio dei relitti. Nel 1773 le Bahamas erano cos povere che il governo dichiar fallimento.

Dopo la rivoluzione americana, i monarchici inglesi cominciarono a spostarsi a migliaia alle Bahamas, triplicando in tre anni la popolazione e introducendo due elementi che avrebbero profondamente segnato il futuro delle isole: il cotone e gli schiavi.
Essi diedero vita alle piantagioni rincorrendo al modello statunitense, ma la terra si rivel inadatta e la maggior parte fall in pochi anni. Quando la Corona dichiar fuorilegge il commercio degli schiavi nel 1807, la Marina Britannica inizi a intercettare le navi e a portare alle Bahamas gli schiavi liberati.
Questi eventi ebbero come conseguenza l'abbandono delle isole da parte dei monarchi e il lascito di queste agli schiavi che iniziarono a dedicarsi alla alla pesca e all'agricoltura di sussistenza. I principi di vera eguaglianza e pari diritti politici, comunque, si rivelarono irraggiungibili, dato che l'epoca successiva alla schiavit fu segnata dal dominio di una minoranza elitaria di bianchi su una maggioranza nera poco rappresentata.

Durante il XIX secolo l'economia riusc a sopravvivere grazie alla pesca e all'agricoltura di sussistenza, al saccheggio dei relitti, al contrabbando e alla pesca delle spugne. Ma una nuova fase ebbe inizio quando la classe benestante nordamericana cominci a cercare regioni dal clima piacevole dove rilassarsi.
Un'ulteriore svolta avvenne nel 1920 quando negli Stati Uniti entr in vigore il Proibizionismo, che fece tornare alla vita l'attitudine al contrabbando grazi anche alla posizione ideale per trasportare liquori illegali negli Stati Uniti a bordo di motoscafi veloci. La citt utilizz i suoi profitti nelle costruzioni di alberghi e di casin. Con l'abrogazione del Proibizionismo nel 1933, Nassau sub una nuova crisi economica, questa volta peggiorata dalla Depressione. Con la fine della recessione economica e la conclusione della Seconda Guerra Mondiale negli Stati Uniti, si rimise in moto l'industria turistica che port alle isole migliaia di soldati americani in congedo. Americani e canadesi ricchi iniziarono a tornare alle Bahamas, incoraggiati dalla presenza dei nuovi governanti di alto discendenza ossia il duca e la duchessa di Windsor.

L'ex re Edoardo VIII d'Inghilterra confer alle isole un nuovo prestigio, in modo tale da far affluire a Nassau gente sia ricca che famosa. Il duca e la duchessa, insieme al loro mondo, cercarono di promuovere il turismo per far uscire le isole dalla recessione; questo impegno coincise con l'inizio dell'era dei jet e con la rivoluzione cubana del 1959, avvenimenti entrambi che attirarono i turisti in cerca di una nuova meta turistica.
Concentrando i loro sforzi su Nassau, i leader locali allargarono la base aeronautica statunitense per accogliere i jet delle compagnie internazionali nonch ripulirono dalle mine il porto per attirare le navi da crociera.
La ripresa economica coincise con l'evoluzione della politica di partito e l'inasprimento delle tensioni etniche. Il Progressive Liberal Party ( Partito Liberale Progressista), capeggiato da leader di colore, prese il potere nel 1967 e decret cos il tramonto dell'era del dominio bianco preparando la strada all'indipendenza. Il 10 luglio 1973, le isole divennero ufficialmente una nuova nazione, il Commonwealth delle Bahamas, mettendo fine a 325 anni di dominio britannico.
I tentativi riformistici del PLP ebbero per conseguenza il crollo dei beni immobiliari che mise fine agli investimenti stranieri nel settore edile ed affond l'economia.
Nel frattempo, la leadership del partito fu coinvolta in episodi di corruzione, legati soprattutto al fiorire del commercio internazionale di droga. Dopo l'introduzione di una serie di misure restrittive sul traffico di droga negli anni 1980 e l'elezione di un governo di tecnici nel 1992, le Bahamas cominciarono a spostare la loro attenzione ad un'economia nazionale basata sul turismo internazionale.
Disgraziatamente nel 1999 gli uragani Dennis e Floyd, investirono le isole distruggendo case, strade, villaggi turistici e tratti di barriera corallina. Nelle elezioni del maggio 2002, il Progressive Liberal Party di Perry Christie vinse con 29 seggi su 40, mandando all'opposizione il Free National Movement Party.

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una forte espansione del turismo grazie alla costruzione di nuovi grandi alberghi.
Anguilla - Antigua e Barbuda - Antille Olandesi - Bahamas - Barbados - Cuba - Dominica - Giamaica - Grenada - Guadalupa - Haiti
Isole Cayman - Isole Vergini GB - Isole Vergini USA - Martinica - Montserrat - Navassa - Porto Rico - Repubblica Dominicana
Saint Kitts e Nevis - Saint Vincent e Grenadine - Santa Lucia - Sint Eustatius - Sint Maarten - Sint Martin - Trinidad e Tobago - Turks e Caicos