CARAIBI

HAITI
storia
itinerari
cultura
ambiente
attivit
informazioni


Privacy Policy

Haiti, la Storia


I primi abitanti raggiunsero l'isola intorno al 2600a.C. a bordo di canoe, che consentirono loro di seguire le correnti marine dal Sud America e dall'estremit meridionale delle Piccole Antille in direzione nord e ovest verso le Grandi Antille.
Un secondo gruppo, chiamato salanoide o arawak, raggiunse Hispaniola intorno al 250a.C. , diffondendosi poi in tutte le Antille.
Il terzo gruppo proveniva dal Venezuela e si autodefiniva tano che significa gente cordiale. Questa popolazione colonizz le Antille circa 2000 anni fa e verso il 700 d.C. occup Haiti e gran parte delle isole vicine. La maggior parte di essi perse la vita in seguito alle angherie degli schiavisti spagnoli o a causa delle malattie, dopo aver donato al mondo il barbecue, il tabacco, la canoa e l'amaca. Verso il 1519 gran parte delle miniere d'oro erano esaurite nonch quasi tutti i tano scomparsi, per cui gli spagnoli decisero di condurre sull'isola gli schiavi africani che iniziarono a coltivare la canna da zucchero.

All'inizio del XVII secolo i cittadini spagnoli della parte occidentale di Hispaniola commerciavano illegalmente con i francesi, perci il sovrano spagnolo invi delle truppe e le zone impostore si spopolarono. I mercanti francesi invece si spostarono nelle citt vuote, infliggendo un ulteriore colpo alle smanie spagnole.

Tra il 1669 e il 1679 un uragano, un'epidemia di vaiolo e la guerra tra Francia e Spagna indussero i coloni spagnoli a cercare un compromesso, tanto che accolsero di lasciar ampliare gli insediamenti francesi, ma solo sul terzo occidentale dell'isola.
Nel 1731 la Spagna fiss i confini che vennero successivamente approvati dalla Francia con un Trattato. I mulatti, figli dei padroni bianchi e degli schiavi africani, erano liberi ma venivano trattati come cittadini di seconda classe dalla minoranza bianca. Nel maggio 1803 al Congresso of Arcahaie il leader dei ribelli Jean-Jacques Dessalines si impadron del tricolore francese ed elimin il colore bianco con il solo scopo di voler cacciare dal territorio tutta la popolazione bianca.

Il 1 gennaio 1804 Dessalines proclam l'indipendenza di Haiti, che divenne la prima repubblica governata da neri. Questa forma di governo per, non era destinata a durare a lungo. Ben presto, infatti, Dessalines si incoron imperatore, promulg una costituzione che gli dava un potere assoluto e fece pattugliare il paese dal suo esercito, sterminando tutti i bianchi che erano stati cos folli da restare in questa parte dell'isola.
Le potenze economiche isolarono il paese economicamente e, quando Dessalines, con un decreto militare, impose ai neri di tornare a lavorare nelle piantagioni, fu catturato e ucciso in un'imboscata. La conseguenza fu lo scoppio di una guerra civile che gett il paese in un lungo periodo di disordini. Nel 1821, Il governo annett il resto di Hispaniola mentre la met orientale dell'isola rimarr sotto il controllo haitiano fino al 1849, quando si dichiarer indipendente con il nome di Repubblica Dominicana.

L'importanza strategica di Haiti fu messa in luce dall'apertura del Canale di Panama; quando per uno dei presidenti haitiani fu ucciso durante una violenta rivolta nel 1915, le truppe statunitensi confiscarono i depositi d'oro di Haiti, riorganizzarono la costituzione e sciolsero l'esercito. Avviarono inoltre diverse opere pubbliche, costruirono ospedali, cliniche e strade utilizzando il lavoro forzato dei carcerati. Le rivolte di Cacos contro l'occupazione americana furono brutalmente represse, provocando la morte di migliaia di persone. Gli americani trattavano direttamente con le classi superiori mulatte, e i neri iniziarono ad adottare la filosofia del Noirisme. Essi trovarono nella valorizzazione della cultura haitiana e nella rivendicazione della religione vud, fonti di ispirazione per la propria resistenza semi-pacifica.

Quando gli americani lasciarono l'isola nel 1934, cedettero alla popolazione qualche infrastruttura e un'economia a pezzi. Il divario tra mulatti e neri, intanto, continuava ad allargarsi, e le caotiche elezioni del 1956 condussero al potere 'Papa Doc' Duvalier, che portava avanti un programma caratterizzato da un mix di nazionalismo, razzismo e misticismo. I mulatti rifiutarono i risultati delle elezioni, organizzando uno sciopero a Port-au-Prince che per fu subito represso dai cagoulards vale a dire delinquenti reclutati nei quartieri poveri che agivano per conto di 'Papa Doc' Duvalier il volto coperto. Questi, successivamente chiamati Tontons Macoutes dal mostro di una fiaba locale che portava via i bambini nel suo sacco, diventarono le truppe non ufficiali di Duvalier; essi indossavano 'uniformi' in denim con sciarpe rosse e occhiali da sole. Alla morte di Duvalier nel 1971, la costituzione da lui riscritta assicurava la presidenza al figlio Jean Claude 'Baby Doc' Duvalier. Il nuovo presidente si propose come un moderatore tra i 'modernizzatori' mulatti e avvi delle brutali repressioni degli oppositori politici.

Quando agli inizi degli anni '80 Haiti venne considerata, dai funzionari statunitensi, una zona ad alto rischio per il virus dell'AIDS, il turismo croll. A questo si aggiunse il crollo dell'economia rurale causato da un fallimentare programma statunitense finalizzato a debellare una malattia dei suini, ma purtroppo non fu cos perch per errore furono uccisi 1,7 milioni di animali. Questa situazione di caos costrinse la famiglia Duvalier all'esilio, con gran giubilo della popolazione stremata. Fu nominato presidente dai militari, il luogotenente generale Henri Namphy, confidente di Duvalier.

Nelle elezioni del 1987 Namphy ebbe grande successo, ma nel giro di un anno un altro colpo di stato port al potere un nuovo generale, Prosper Avril che per fugg dal paese nel 1990. Venne cos nominato nuovo presidente di Haiti Jean-Bertrand Aristide, un giovane prete che riusc a guadagnarsi il favore degli abitanti durante il governo di Henri Namphy.

Aristide aveva fondato un'organizzazione di matrice cattolica che manifestava dure critiche contro il governo in atto in quel periodo. La fuga di Avril permise al giovane prete di ascendere al potere.

Egli trascorse i suoi primi mesi di governo a fare riforme e facendosi dei nemici; nel settembre del 1991 durante un nuovo colpo di stato migliaia di persone morirono ad eccezione del presidente che riusc a mettersi in salvo.

La situazione continu a peggiorare quando venne annunciato un embargo internazionale che costrinse circa 38.000 haitiani a fuggire dall'isola per poi riversarsi sulle spiagge degli Stati Uniti e di altre isole caraibiche.

Nel 1994 l'ex presidente americano Jimmy Carter decise di far ritornare Aristide sull'isola , che era per a un solo anno dalla scadenza del suo mandato. Le elezioni del 1995 sancirono l'ascesa al potere del protetto di Aristide, Ren Prval, che nel giro di poco tempo venne accusato di collaborare con le istituzioni elitarie haitiane; in risposta a ci Aristide fond un proprio partito, La Fanmi Lavalas.

I disaccordi tra i sostenitori di Aristide e gli oppositori causarono l' annullamento delle elezioni parlamentari del '97 e '98, impedendo a Prval di nominare un primo ministro. Il paese nonostante versasse in una situazione spiacevole dal punto di vista politico dovette fare i conti anche con i danni causati all'economia dall'uragano Georges che si abbatte su Haiti nel 1998.

Prval istitu nuove elezioni parlamentari per l'aprile del 2000, ma nel giro di poco tempo cambi idea stabilendo di voler governare soltanto per decreti. Aristide salt nuovamente sulla scena politica con la semplice contestazione delle elezioni del novembre 2000.

Nello stesso anno Aristide inizi il suo secondo mandato, con scadenza nel 2006 ma il 29 febbraio del 2004 fuggi in esilio nella Repubblica Centrafricana perch considerato dai suoi oppositori il prete delle baraccopoli, che rappresentava le speranze del popolo haitiano con un atteggiamento dittatoriale.
Anguilla - Antigua e Barbuda - Antille Olandesi - Bahamas - Barbados - Cuba - Dominica - Giamaica - Grenada - Guadalupa - Haiti
Isole Cayman - Isole Vergini GB - Isole Vergini USA - Martinica - Montserrat - Navassa - Porto Rico - Repubblica Dominicana
Saint Kitts e Nevis - Saint Vincent e Grenadine - Santa Lucia - Sint Eustatius - Sint Maarten - Sint Martin - Trinidad e Tobago - Turks e Caicos