CARAIBI

ISOLE VERGINI BRITANNICHE
storia
itinerari
cultura
ambiente
attivit
informazioni


Privacy Policy

Isole Vergini, la Storia


Prima dell'arrivo di Cristoforo Colombo, le Isole Vergini Britanniche vennero colonizzate dagli indiani Ciboney, dagli Arawak e infine dai Caribe, tutti provenienti dal Sud America in particolare dal delta dell'Orinoco.
I Ciboney esercitavano una sorta di nomadismo marino, a bordo di robuste canoe, per cui si spostavano da un luogo all'altro mentre gli Arawak, che giunsero sull'isola intorno all'anno 100 d.C., erano una trib pi permanete rispetto ai primi.
Gli Arawak erano dediti alla coltivazione della terra e fabbricavano le ceramiche; essi ritenevano che l'anima non risiedesse nel solo corpo, ma erano convinti che fosse presente anche nelle rocce, negli alberi e nei fenomeni naturali.
A loro si deve l'origine di alcune parole divenute pressoch internazionali: tabacco, patata, barbecue, uragano, cannibale.
La trib dei Caribe mentre sbarc sull'isola verso la fine del XIV secolo, circa vento anni prima dell'arrivo di Colombo.
Essi venivano chiamati anche Vichinghi del Sud America infatti erano grandi navigatori e si spostavano a bordo di enormi canoe scavate in lunghi e possenti tronchi in grado di accogliere anche cento persone.
I Caribe erano soliti depilarsi in maniera radicale i peli della barba in quanto definiti una vera e propria deformit. Ai bambini invece, sin dalla pi tenera infanzia, veniva schiacciata la parte superiore del capo perch ritenevano che in questo modo assumessero una aspetto pi bello.
I capi venivano scelti fra le persone pi coraggiose e combattive; essi disponevano di squadre d'assalto che durante le incursioni a terra rubavano le donne delle trib avversarie e catturavano i figli pi giovani che venivano dapprima ingrassati e poi divorati.
Questi riti crudeli erano imposti dalla legge della sopravvivenza tant' vero che i Caraibe praticavano l'eutanasia per i vecchi e gli infermi, per solo dopo aver chiesto conforto allo spirito che di notte assumeva, secondo loro, le sembianze di un pipistrello e che regolava la loro esistenza.
Solo pochi decenni pi tardi Colombo fece sosta presso queste isole, durante il suo secondo viaggio verso il Nuovo Mondo.
Il navigatore avvertendo la mancanza di donne su quest'isola decise di chiamarle proprio Las Vrgines , facendo forse riferimento alla leggenda di Sant'Orsola e delle 11.000 donne uccise dagli Unni a Colonia.
Fu lo stesso Colombo a dare i nomi alle isole di Virgin Gorda che significa vergine grassa, e ad Anegada che vuol dire annegata.
All'inizio del 1600, il popolo spagnolo non era interessato alle isole, ma focalizzava la sua attenzione e il suo interesse sulle miniere di rame di Virgin Gorda.
Quando la Spagna, per, perse potere come potenza coloniale, le isole furono occupate da altre potenze fino all'arrivo, nel 1648, degli olandesi che si stabilirono su Tortola.
Dopo pochi anni vale a dire nel 1672, essi furono cacciati dagli inglesi, i quali introdussero subito sull'isola due caratteristiche tipiche del colonialismo caraibico ossia la canna da zucchero e la schiavit.
All'inizio, buona parte dei piantatori dell'isola di Tortola erano pi interessati alla pirateria e al contrabbando che all'agricoltura, ma nel 1700 furono rimpiazzati da nuovi piantatori nonch da un insediamento di quaccheri.
Tra la met del XVIII e l'inizio del XIX secolo, le isole conobbero un periodo di prosperit grazie all'abbondante produzione di zucchero, cotone, rum, indaco e spezie.
Ma con l'abolizione della schiavit nel 1803 e l'introduzione della barbabietola da zucchero in Europa e negli USA, ci furono delle conseguenze disastrose per le isole.
Solo negli anni '30 si assistette ad una lenta ripresa economica anche se basata ancora sull'allevamento, sull'agricoltura e sulla pesca.
Quando negli anni '60, Laurence Rockefeller acquist un terreno su Virgin Gorda e inizi la costruzione di un luogo di villeggiatura lussuoso presso Little Dix Bay, tutto inizi a cambiare.
Nel 1967 gli abitanti dell'isola ottennero il diritto a governarsi da soli; nel 1968 venne aperto l'aeroporto di Beef Island mentre nel 1969 ci fu l'apertura della prima societ di noleggio di yacht.
Attualmente la stabilit politica ed economia delle Isole Vergini Britanniche attrae circa 300.000 turisti l'anno.
Anguilla - Antigua e Barbuda - Antille Olandesi - Bahamas - Barbados - Cuba - Dominica - Giamaica - Grenada - Guadalupa - Haiti
Isole Cayman - Isole Vergini GB - Isole Vergini USA - Martinica - Montserrat - Navassa - Porto Rico - Repubblica Dominicana
Saint Kitts e Nevis - Saint Vincent e Grenadine - Santa Lucia - Sint Eustatius - Sint Maarten - Sint Martin - Trinidad e Tobago - Turks e Caicos